10419423_10205118895084648_7025171164786961159_n
10968312_10203668418452630_7096500911596490590_n
12802706_803507093126395_3008295198291421641_n
1506174_10205137923160338_8521619067879411229_o
21752593_1181488301994937_868921677282755163_o
30706920_1327304440746655_1505583373815382016_n
53311935_10215812153229203_5514001159179730944_n
53603302_10215812214630738_7942257900334874624_o
Striscione

Lo scorso mese di agosto si è concluso il viaggio estivo federale in Spagna.

Nell’occasione sono state toccate alcune tra le più importanti località del Paese (Saragozza, Burgos, Valladolid, Salamanca, Segovia, Madrid, Toledo, Siviglia, Ronda, Cordova, Torremolinos, Malaga, Granada, Cartagena, Valencia, Tarragona, Barcellona) visitando monumenti di straordinaria bellezza, alcuni con guida (a Salamanca, Segovia, Madrid, Siviglia, Granada, Valencia e Barcellona) godendo di paesaggi mozzafiato, dai monti dall’incerto colore fino all’azzurro mare, dove qualcuno in qualche caso ha fatto il bagno, abbiamo apprezzato l’arte e la cultura spagnole persino nella danza, nel flamenco, nella musica e nel canto, gustato la cucina sotto ogni forma: le tapas, la paella, la carne arrosto, ma anche i dolci, la sangria e l’ottima birra, visitando ristoranti ma non perdendo occasione per improvvisate tavolate quasi al lume di candela, abbiamo visto da vicino coccodrilli ma anche squali, leoni marini, simpatici delfini, carpendo nella gente del posto, quasi sempre gentile e disponibile, da una parte il forte senso patriottico, dall’altra la voglia di "indipendenza" a ogni costo, specialmente in certe regioni.

Tutto ciò può apparire bello ma nel contempo faticoso e qualche volta lo è stato, anche se la vera e più interessante sfida è stata quella con noi stessi, evidenziando limiti e inaspettate potenzialità di natura fisica, psicologica, relazionale, per avere dovuto affrontare oltre alle situazioni che normalmente accadono a chi sta tanto tempo fuori, muovendosi da un posto all’altro con la propria “casa”, anche quelle straordinarie, come un improvviso guasto al motore, il venir meno di un mezzo pubblico prenotato, ecc.., ma il turismo in camper, si sa, comporta anche l’avventura.

Sento a tal fine il dovere di ringraziare ciascuno dei partecipanti per la voglia di conoscere, di scoprire, per la simpatia, ma anche per lo straordinario senso di solidarietà e di gruppo dimostrato in ogni circostanza, anche sacrificando, a volte, un po’ di libertà, ringrazio i due straordinari, piccoli gioielli che ci hanno accompagnato durante il viaggio, Raffaele e Salvatore, che con la loro semplicità ci hanno insegnato tanto e regalato ogni giorno un sorriso, che mai dimenticheremo.

GRAZIE A TUTTI

Emanuele Paolicelli

 

 

 
20190805_135025384_iOS
20190805_203851069_iOS
20190806_120726214_iOS
20190806_133813372_iOS
20190807_105105804_iOS
20190808_094405188_iOS
20190808_105007083_iOS
20190808_141401277_iOS
20190808_143734822_iOS
20190808_143814610_iOS
20190809_105728598_iOS
20190809_202452045_iOS
20190810_212344705_iOS
20190812_072504190_iOS
20190812_113922322_iOS
20190812_193910155_iOS
20190813_185140663_iOS
20190813_214657428_iOS
69687886_1762720297205065_2862185185514881024_n
DSC_7539
DSC_7541
DSC_7581
DSC_7583
DSC_7602
DSC_7609
DSC_7921
DSC_8088
DSC_8122
DSC_8123
DSC_8193
DSC_8267
DSC_8346
DSC_8502
DSC_8629
DSC_8766
DSC_8779
DSC_8827
DSC_8872
DSC_9317
DSC_9409
DSC_9410
DSC_9475
DSC_9476
DSC_9610
DSC_9611
DSC_9725
DSC_9728
DSC_9782
DSC_9838